Partita ostica, fuori casa contro l’assatanata tigre ferita Lokomotiv Cisti.

Ma le tigri non arrivano là dove la Quaglia vola.

Ad essere sincero, dopo 2 giornate, 2 vittorie ottenute con 2 buoni punteggi, il sentimento prevalente non è l’entusiasmo, la soddisfazione o un diffuso buon umore. No, io sono in ansia. Dopo le 2 stagioni passate, in cui ero convinto di avere un’ottima squadra, poi tutto andava sempre male, giocatori che si rompevano, gente che non esplodeva, ma scoppiava, delusioni varie, ora ho paura che questa buona sorte durerà poco e tornerò a cristonare nei bassifondi.

Ad ogni buon conto, anche questa è andata, la Lokomotiv Cisti paga l’espulsione di Boateng, paga il 6 politico a Pinilla (vuoi che un gol alla Roma non lo faccia?), paga un po’ di voti insufficienti.

Football Factory sposa la formula “doppietta+golletto” (Quagliarella-Gila) e apprezza l’ottima difesa dell’Atalanta.

Lokomotiv Cisti – Football Factory 1-3 (70-76)

PS: rispondo pubblicamente a Lollo sulla vicenda Quagliarella.

Ci ha creduto così tanto che:

– me l’hai lasciato a 1 miliardo per prendere Matri a 60

– mi hai soffiato Kozak a 18 (perchè io non ne avevo 19)

– quando ti ho chiesto di fare lo scambio Quagliarella-Bendtner / Kozak-Pabon mi hai detto di non rompere i coglioni!

Pensa se non ci credevi, in Quagliarella!

Caro Lollo, la metto sul ridere, non leggerla con tono cattivo! Pensa come ridevi tu se avessi accettato lo scambio…

Annunci